Divorziati risposati: Comunione sì o no?

Domenica scorsa si è svolto a San Martino di Schio il secondo turno di rinnovo di consacrazione per la diocesi di Vicenza con un’affluenza eccezionale di pellegrini tanto da riempire tutto il tendone verde. Come sempre eravamo presenti per prestare servizio nei vari punti, chi nell’accoglienza e registrazione dei nomi, chi nella corale e nella liturgia. E’ stato uno splendido pomeriggio di spiritualità con la Santa Messa, interventi, l’Adorazione Eucaristica, una breve catechesi di Mirco sul senso di rinnovare la Consacrazione a Maria e infine la recita della preghiera per rinnovare le promesse di consacrazione. Ma domenica era anche la quarta del mese e non abbiamo rinunciato al tradizionale incontro di “giovani in cammino” con la catechesi di Mirco e i lavori di gruppo per meditare insieme. Questa volta Mirco ci ha voluto parlare del Sinodo straordinario sulla famiglia appena trascorso; in particolare di cosa hanno divulgato i media e dove si sono concentrati i riflettori: in realtà tutti i giornali, telegiornali e trasmissioni varie si sono concentrati su un unico problema e cioè dare o no la comunione ai divorziati risposati? In effetti guardando le cifre la situazione è molto critica: in Italia ci sono il 47% di famiglie divise; pensando poi ai giovani e alla loro situazione spirituale è facile prevedere come sarà il futuro visto l’esempio  – senza giudicare nessuno – che hanno da tanti genitori! Bisogna innanzitutto chiarire che la Chiesa concede la comunione ai separati e/o divorziati purché non convivano e abbiano rapporti con altri partner, rispettino quindi la promessa di fedeltà per sempre fatta davanti a Dio il giorno del loro matrimonio. Per capire, invece, perché la Chiesa non può concedere la S. Comunione a conviventi e divorziati risposati, bisogna avere ben presente cos’è il Sacramento dell’Eucarestia: è il sacrificio estremo di Gesù morto in Croce per la salvezza dell’umanità che si attualizza in ogni S.Messa e la morte di Croce è stata la dimostrazione di che cos’è l’amore vero: senza ma, senza se e irreversibile. Gesù essendo Dio non aveva bisogno di tutta questa sofferenza per salvarci ma non si è tirato indietro (pur potendolo fare), ha portato a compimento la volontà del Padre fino alla fine. La debolezza umana esiste e l’uomo senza Dio ha grandi difficoltà ad accettare il “per sempre”, proprio per questo Gesù è venuto in aiuto e ha innalzato l’unione tra maschio e femmina nel Sacramento del matrimonio rendendolo indivisibile (l’uomo dunque non separi ciò che Dio ha congiunto, Mc 10, 2-12) e donando agli sposi, nell’Eucaristia, il suo stesso amore fino alla fine. Ecco perché la Chiesa si trova in difficoltà dottrinali enormi a concedere la S. Comunione in quelle situazioni in cui l’amore per sempre del Matrimonio e significato nell’Eucaristia è – per motivi che non sta a noi giudicare – venuto meno.

Prossimi corsi di preparazione alla Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria – mese di novembre 2014

Regina dell'Amore
Regina dell’Amore

• Da DOMENICA 2-9-16-23-30 Novembre, c/o “Cappellina Chiesa Parrocchiale di LEGNARO”(PD)
Ore 14.30 – Info: Ref. Sig.ra PESCAROLO Maria 347.5752722

• Da DOMENICA 2-9-16-23-30 Novembre c/o Cappella Casa di Riposo “Pia Opera Ciccarelli”
Via C. Alberto, 18 – S. GIOVANNI LUPATOTO – (VR) ore 20.00 con Don R. Tamellini
Info : Ref. BIGHELLINI Tiziano Tel. 333.1586894

• Da LUNEDI’ 3-10-17-24 Novembre e 1 Dicembre – c/o “Chiesa Parrocchiale  di SOLESINO”(PD) 
P.zza A. Diaz 1 – Ore 20.30 – Info: Ref. Sig. FRULLI Silvio 333.1501592

• Da MARTEDI’ 4-11-18-25 Novembre e 2 Dicembre – c/o “Cappellina Chiesa Parrocchiale
di MANDRIOLA DI ALBIGNASEGO” – Via Battaglia, 157 (PD) Ore 20.45–
Info: Ref. Sig. ZILIO Carlo 347.7119165

•Da MARTEDI’ 4-11-18-25 Novembre e 2 Dicembre – c/o “Cenacolo di preghiera”
STROPPARI DI TEZZE SUL BRENTA –  Via Dante 23/A – (VI) Ore 21.00 –
Info: Ref. Sig. DE MARCHI Antonio 0424.539929 / 380.5109839

•Da MERCOLEDI’ 5-12-19-26 Novembre e 3 Dicembre – c/o Cappellina casa privata –
Via Gardigiana –  CAMPOCROCE DI MOGLIANO V.TO (TV)
Ore 21.00 –
Info: Ref. Sig. TONIOLLO GIUSEPPE LIBERALE 348.5621427

•Da GIOVEDI’ 6-13-20-27 Novembre e 4 Dicembre – c/o  “Chiesa Parrocchiale di S. MARCO” –
Riviera S. Marco, 22 – CAMPOSAMPIERO (PD)
– Ore 20.30 –
Info: Ref. Sig. BALLAN Pietro Zeno 335.6167862

•Da SABATO 8 Novembre  c/o “Oratorio Parrocchiale” CRESPIGNAGA DI MASER – (TV)
ore  21.00 – Info: Ref. Sig. CARRARO RENZO 349-5176370

La partecipazione alla catechesi, è composta da 5 incontri, è aperta a TUTTI e non comporta alcun impegno o costo.
Ci accompagnerà nelle riflessioni il Sig. Mirco AGERDE del Movimento Mariano “REGINA DELL’AMORE” di S. Martino di Schio (VI).

 

Rinnovatemi ogni giorno le vostre promesse

Questa domenica si è svolto a San Martino il primo turno di rinnovo di Consacrazione a Maria Regina dell’Amore per la diocesi di Vicenza, praticamente la più grande come numero di consacrati; pensate che sono state spedite più di 4000 lettere di invito!
Come gruppo giovani eravamo presenti per accogliere i fedeli e accompagnarli in un pomeriggio che si presentava denso di spiritualità con la Santa Messa, l’Adorazione guidata dalla nostra corale, interventi e catechesi sotto lo sguardo materno di Maria che vedeva tutti questi suoi figli, arrivare dal vicentino per Lei, per riprometterLe fedeltà e ascolto a tutti i suoi richiami.
E’ sempre piacevole incontrare i pellegrini ed ascoltare nei piccoli dialoghi in mezzo all’affollamento aneddoti di storie di vita e di fede, come i tanti che ci hanno raccontato di essersi consacrati quando era presente Renato. Ci sono rimaste impresse le parole di una signora che ci ha detto: “E’ importante quello che fate, anche la lettera che avete mandato è uno stimolo, un richiamo per i consacrati che forse si sono intiepiditi e farli uscire dalle loro case, dalle loro abitudini per venire da Maria…..”
Questo non può che renderci felici e soprattutto ancora più motivati a perseverare nel servizio a Maria e nel Movimento Mariano Regina dell’Amore.
Dice Maria il 28 luglio 1993: “Glorifichiamo il Padre. Figli miei, ricordatevi che appartenete alla mia schiera di consacrati, perciò vi esorto: rinnovatemi ogni giorno le vostre promesse vivendole. Non potrete progredire nella santità se ogni giorno non donerete a Dio, per mezzo mio, uno spazio nuovo d’amore. Coloro che appartengono al mondo sono molti, il male li possiede e la rovina si fa grande e pericolosa. Figli cari, chi accoglie la mia chiamata cammina nella verità e avrà la salvezza. Vi stringo tutti a me e vi benedico.”

Eccoti Gesù

Negli ultimi decenni la S. Messa, le pratiche religiose, le pie devozioni sono state tralasciate sempre di più, tanto che nel 1985, per la scarsa partecipazione, furono sospese le funzioni religiose che si svolgevano la domenica pomeriggio con l’Adorazione Eucaristica, la catechesi e la recita dei Vespri; questo fu un duro colpo alla tradizione cristiana del nostro paese allontanando sempre più le famiglie dal catechismo. L’avanzata della secolarizzazione era ormai inesorabile ma in quell’anno, nelle nostre terre vicentine stava per accadere qualcosa di straordinario: la Misericordia Divina concedeva a Maria, la Madre di Gesù, di apparire ad un uomo di nome Renato Baron.
Sabato sera sono ricominciati gli incontri con Don Gino Oliosi a Verona, il quale ci ha introdotto nella catechesi facendoci notare queste coincidenze: quando il popolo della Chiesa ormai si stava allontanando sempre più dal tabernacolo, ecco che viene Maria, la Donna Eucaristica a riportarci a Gesù, ad ammonire il mondo per i suoi tanti e gravi peccati.
L’insegnamento di Maria per farci capire l’importanza di tornare ad adorare Gesù nelle sembianze del Pane Eucaristico, iniziò con un fatto particolare. Durante le prime apparizioni la statua lignea della Madonna nella chiesetta di S. Martino si anima, diventa viva, parla, ma, come ci racconta Renato, c’è un particolare: il Bambino in braccio alla Madonna resta di legno. Era grande desiderio di Renato che in quella chiesetta ci fosse il tabernacolo con l’ Eucarestia e la Madonna il 9 novembre 1985 disse: ” Il tuo desiderio è giusto: L’Eucaristia, l’adorazione, il tabernacolo che non c’è: si realizzeranno presto.”
Quando finalmente il Vescovo concesse il tabernacolo con Gesù Eucaristia, ecco che nell’apparizione anche il Bambinello in braccio si anima, si muove e indica Sua Madre che parla. Queste le parole di Maria: ” Eccoti Gesù che aspettavi da tanto tempo. Ora è vivo anche nel tabernacolo. RingraziaLo e amaLo. Fallo amare da tutti gli uomini. Un giorno molto vicino dovrai dire ai responsabili della Chiesa che Gesù vuole la Madre sua Regina del mondo e Regina dell’Amore e non permetterà mai l’errore di allontanarla dagli altari. Si unisca la Chiesa, però senza cedere a ricatti o compromessi. Il mondo vuole Maria e Maria salverà il mondo se ascolterete e vi convertirete. Grazie per tutto quello che fate. Esultate con Gesù.”
Con questi fatti la Regina dell’Amore ci ha confermato che Gesù è veramente presente nell’Eucaristia e quindi in ogni tabernacolo. Non dimentichiamolo!

Famiglia è …

Domenica 5 ottobre è iniziato ufficialmente il Sinodo sulla famiglia voluto dal Santo Padre Francesco e, in comunione con tutta la Chiesa, sabato sera abbiamo pregato davanti a Gesù Eucarestia perché lo Spirito Santo illumini i Padri Sinodali e li guidi nel loro impegnativo compito. Dopo la recita del S. Rosario e la meditazione dei messaggi di Maria abbiamo ascoltato le parole di Papa Francesco tratte dall’udienza generale di mercoledì 2 aprile dove esortava a comprendere quanto profondo è il Sacramento del matrimonio: in esso Dio mette in atto il suo progetto di amore, di comunità, di alleanza.
Dall’inizio dei tempi la Scrittura ci parla di un’unione tra uomo e donna per diventare una carne sola: un’affermazione che ci fa comprendere quanto intima e profonda sia questa unione.
Papa Francesco esortava a non dimenticare mai che nel matrimonio si forma una comunità che riflette la comunità della Santissima Trinità.
Domenica scorsa, poi, come ogni anno nella prima domenica di ottobre, c’è stato anche il consueto affidamento dei bambini alla Regina dell’Amore e l’affluenza è stata sorprendente, per la gioia di Maria e Gesù ma anche nostra.
Mirco ha esortato i genitori ad essere uniti nella preghiera e nel cammino di fede poiché sono loro stessi i primi educatori alla fede medesima e dipende dal loro esempio il futuro dei propri figli.
Ecco cosa dice Maria il 21 giugno 1998:
“Figli miei, in voi sia tutta la volontà di Dio. Da Lui nasce l’amore. Date saggezza ai vostri figli, siate umili davanti a loro. Voi siete ministri della vita, mai sentitevi padroni di essa. Sia lo Spirito Santo il legame del vostro matrimonio, della vostra famiglia, comunità umana, immagine della Comunità divina, come la Santissima Trinità. Miei cari figli, voi siete nati dall’Amore; fate che continui questo Amore e Dio vi benedirà in eterno. Anch’io vi benedico, benedico le vostre nuove famiglie, i vostri figli, il vostro amore.”